SCARICA SCHEDA TRIAGE

Per esempio una delle cose che giudicavamo importanti, nel caso in cui le persone non avessero davvero manifestazioni clinicamente rilavanti o comportamentalmente rilevanti, era quello di avvertili, anche attraverso un opuscolo informativo che avevamo già predisposto, sulla possibile insorgenza di sintomi differiti. Direttiva del 13 dicembre Il codice arancione va applicato quando c’è un’emergenza NBCR Nucleare Biologico Chimico Radiologico , e si utilizza il protocollo di triage all’inverso, giacché le persone coinvolte che sono state per meno tempo esposte all’agente contaminante hanno – percentualmente – più possibilità di sopravvivenza. Dipartimento della Protezione Civile. Inoltre viene messo in pratica ogniqualvolta si verifica un’insufficienza dei mezzi e del personale rispetto ai soggetti che hanno bisogno di aiuto. In situazioni di calamità medicina delle catastrofi , un triage preliminare viene effettuato direttamente dai primi soccorritori direttamente nel sito dell’evento. La tabella allegata riassume in maniera sinottica i bisogni connessi con i ruoli ed i profili professionali del personale impegnato nei soccorsi allo scopo di individuare con maggiore chiarezza in quale fase e che tipo di informazioni possono essere raccolte durante la presa in carico dei pazienti, vittime di una maxiemergenza.

Nome: scheda triage
Formato: ZIP-Archiv
Sistemi operativi: Windows, Mac, Android, iOS
Licenza: Solo per uso personale
Dimensione del file: 41.86 MBytes

In base alle diverse esigenze che possono manifestarsi nei due scenari sopra indicati e quindi sulla base delle diverse modalità operative e conseguenti differenti esigenze di triage, si porrebbe la necessità di separare gli algoritmi e la modulistica da utilizzare. Nelle condizioni di attivazione del PMA, il personale medico presente deve svolgere funzione di coordinamento e trattamento sul triaage, evitando l’invio e il trasporto diretto delle vittime in ospedale. Questo codice colore si compone, in ordine di gravità, di quattro classi principali: Inoltre viene messo in pratica ogniqualvolta si verifica un’insufficienza dei mezzi e del personale rispetto ai soggetti che hanno bisogno di aiuto. Compariamo, quindi, lo stato psichico del paziente con la gravità del suo stato fisico.

Il confronto col Pronto Soccorso medico non viene preso in esame, perché, come già detto, si parte dal presupposto che tutta la fascia minori vada comunque trattata.

scheda triage

Dipartimento Sedi Organigramma Competenze. Dipartimento Attività sui rischi Media e comunicazione Amministrazione trasparente. Il testo è disponibile secondo la licenza Creative Commons Attribuzione-Condividi allo stesso modo ; possono applicarsi condizioni ulteriori.

  UNINETTUNO SCARICA

Il triage con gli adulti e con i minori – dallo scenario al Dea

Il triage è, quindi, una procedura sanitaria di tipo dinamico che consente di gestire le limitate risorse disponibili al fine di ridurre al massimo la mortalità e la morbilità delle persone coinvolte nell’evento, orientando, come sopra detto, il trattamento sanitario e il trasferimento dei pazienti in base alla priorità scaturita dalla loro valutazione sanitaria.

E nel caso di un codice 2, come ci comportiamo col nostro paziente? Scenario pianificato grandi eventi: La tipologia ed il dettaglio dei dati che dovranno essere indicati in quanto necessari ad accompagnare il paziente fino alla sede definitiva di trattamento, sono: La trige contiene troage dati relativi al tipo di intervento che abbiamo fatto o al tipo di intervento che scehda di fare. Visite Leggi Modifica Modifica wikitesto Cronologia.

scheda triage

E’ fondamentale indicare la possibile evoluzione del codice colore e le procedure rianimazione, decontaminazione, ecc. Cosa abbiamo tentato di fare?

Dipartimento della Protezione Civile

Il triage, che deve essere reso possibile in ogni anello della catena dei soccorsi, viene generalmente eseguito: Abbiamo tentato di dare i nostri codici PSI, mettendo insieme una legenda di quali sono i comportamenti che ci possiamo attendere e che tipo di intervento prevediamo per quel tipo di codice.

In caso di maxiemergenza infatti le operazioni di soccorso fino al PMA si realizzano attraverso tre fasi fondamentali: Essendo un atto sanitario, il triage deve essere documentato attraverso una scheda che deve sempre seguire il paziente nelle varie fasi di trattamento, in modo da permettere la ricostruzione degli interventi effettuati su di esso. Le informazioni riportate non sono consigli medici e potrebbero non essere accurate. Per esempio una delle cose che giudicavamo importanti, nel caso in cui le persone non avessero davvero manifestazioni clinicamente rilavanti o comportamentalmente rilevanti, era quello di avvertili, anche attraverso un opuscolo informativo che avevamo già predisposto, sulla possibile insorgenza di sintomi differiti.

La domanda da porsi è: Per usare i contenuti, senza alterarli, è necessario citare esplicitamente la fonte con questa dicitura: Amministrazione trasparente Disposizioni generali Organizzazione Consulenti e collaboratori Personale Bandi di concorso Performance Enti controllati Attività e procedimenti Normativa di protezione civile Provvedimenti Bandi di gara e contratti Sovvenzioni, contributi, sussidi, vantaggi economici Bilanci Beni immobili e gestione patrimonio Servizi erogati Pagamenti dell’amministrazione Interventi straordinari e di emergenza Altri contenuti.

  SCARICARE ENCARTA 2009 IN ITALIANO

Il triage con gli adulti e con i minori – dallo scenario al Dea – Conosco Imparo Prevengo

PMA di I livello è caratterizzato per: Il codice nero, considerato successivo al rosso, non identifica uno stato di gravità, ma un soggetto deceduto e non viene quindi generalmente esposto in forma pubblica. L’analisi del processo di triage rappresenta la metodologia di approccio più corretta per la costruzione dello strumento di lavoro, poiché consente di individuare necessità concrete a cui rispondere con soluzioni schefa a soddisfare le esigenze operative dei soccorritori.

Direttiva del 13 dicembre PMA di II livello è caratterizzato per: Analisi del processo di triage.

Quando il sintomo, ossia l’espressione di una condizione psicofisica percepita come alterata, è valutato come potenzialmente pericoloso dal paziente, il malato si rivolge al Pronto Soccorso. Il metodo del Triage è utilizzato innanzitutto all’arrivo dei pazienti in Pronto Soccorsodove l’accesso alle cure non avviene sulla base dell’ordine di arrivo ma sulla priorità delle loro condizioni.

Per estensione, la tecnica del triage, di competenza Infermieristicaviene messa in opera ogni qual volta è necessario smistare una serie di utenti che chiedono un servizio verso gli operatori opportuni [1].

In relazione alla tipologia degli scenari si possono identificare:. In quel caso come ci poniamo?

scheda triage

Il grado di urgenza di ogni paziente è rappresentato da un codice colore assegnato all’arrivo, dopo una prima valutazione messa in atto da un infermiere preposto a questo compito. In questo ambito permette di stabilire un ordine tra i soggetti che vi giungono, dando le apposite cure prima ai casi con una priorità maggiore e di seguito quelli con priorità minore.

Il codice arancione va applicato quando c’è un’emergenza NBCR Nucleare Biologico Chimico Radiologicoe si utilizza il protocollo di triage all’inverso, giacché le persone coinvolte che sono state per meno tempo esposte all’agente contaminante hanno – percentualmente – più possibilità di sopravvivenza.